Konqueror


Nell’articolo precedente avevo annunciato che avrei proseguito mostrando la mia configurazione di KDE.

Ho cambiato idea.

Mi sono infatti ricordato di aver scritto un libro in formato pdf in cui, tra l’altro, si spiega dettagliatamente la configurazione sia di KDE che di Konqueror che uso abitualmente.
Mi sembra ovvio rimandare pertanto gli interessati alla lettura del volumetto (che trovate qui: Linux: come e perché (versione pdf)).

Vi auguro quindi buona lettura.

Annunci

Nel post Konqueror 64bit e Flash avevo scritto come fare per utilizzare il plugin Flash Player a 32bit con Konqueror a 64bit.

La nuova versione di nspluginwrapper ora funziona anche con Konqueror.
Possiamo quindi utilizzarla per vedere i files flash.

Il procedimento è molto semplice.
Qui lo descrivo nell’ipotesi che si sia utilizzato il metodo descritto precedentemente.
In caso contrario cambia ben poco. Si tratta solo di recuperare i files libflashplayer.so e flashplayer.xpt come è stato indicato nel post precedente e di saltare l’istruzione riguardante i links simbolici in /usr/bin che evidentemente non erano mai stati creati.

Ecco quindi come fare:

Installiamo nspluginwrapper (si trova di norma nelle varie repositories) badando solo che la sua versione sia uguale o superiore alla 0.9.91.5

Spostiamo i files “libflashplayer.so” e “flashplayer.xpt” (che avevamo messo in …/mozilla/plugins) nella cartella “/usr/lib/nspluginwrapper/plugins/“.

Da terminale (Konsole) lanciamo il comando:

nspluginwrapper -i /usr/lib/nspluginwrapper/plugins/libflashplayer.so

Sostituiamo i links simbolici che avevamo creato in /usr/bin con nspluginscan e nspluginviewer (entrambi quelli a 64 bit).

Apriamo Konqueror e andiamo al menu Impostazioni/Configura konqueror/Plugins e clicchiamo su Cerca nuovi plugins

A questo punto siamo pronti ad andare su YouTube e provare il tutto.

Usare nspluginwrapper ha il vantaggio di poter utilizzare anche gli altri plugins a 64bit, cosa che non era possibile col metodo precedente.

_______________________________________________________________
Firmiamo la petizione per salvare Konqueror!
Dateci la possibilità di usare Konqueror come file manager di default in KDE 4

Condividi questo post:
add to del.icio.us :: Add to Blinkslist :: add to furl :: Digg it :: add to ma.gnolia :: Stumble It! :: add to simpy :: seed the vine :: :: :: TailRank

Tags: Linux Konqueror HowTo Random Flash

Firmiamo la petizione per salvare di Konqueror!
Dateci la possibilità di usare Konqueror come file manager di default in KDE 4

Kde4 comincia a delinearsi,
E si cominciano a vedere i notevoli peggioramenti rispetto a KDE3.

Ne elenco alcuni.
Konqueror era per molti la ragione principale per usare KDE. Ora è stato sostituito come file manager da Dolphin. E fin qui niente di male. Basta eliminare Dolphin e ripristinare Konqueror.
Il problema purtroppo è che è stato deciso di castrare Konqueror. In altre parole togliergli molte delle funzionalità cha ha come file manager in KDE3.

Già questo è un motivo più che sufficiente per cercare una soluzione diversa a KDE.

Ma i mali, come si sa, non vengono mai soli. E KDE4 non fa eccezzione.

Esaminiamone alcuni.

Ecco la prima nuova, geniale funzionalità: il Desktop Toolbox.

E che diavolo è, diranno molti.

Il Desktop Toolbox è quello che dovrebbe sostituire Superkaramba.
E’ un aggeggio che se ne sta inglobato nel vostro desktop sull’angolo in alto a sinistra e che apre una finestra ogni malaugurata volta che ci passate sopra col mouse.
E’ ovviamente peggio della barra laterale di Windows (quella che vi porta via spazio a tradimento) perchè la barra di Windows è visibile mentre l’aggeggio di KDE no.
E quindi quando meno ve lo aspettate vi apre la sua diabolica finestra.
Inoltre la barra di Windows la si può togliere, l’aggeggio di KDE, sinora (beta2), è inchiodato al suo angolo e non si lascia influenzare da nessuna delle molte maledizioni che gli mandate.

La sua funzionalità è ovviamente fondamentale: serve per aprire i tabloids, quei gadgets che possono divertirvi per qualche minuto, ma che non servono assolutamente a nulla, se non ad appesantire per niente la vostra cpu.
Un’altra ragione che potrebbe, da sola, essere sufficiente a cercare disperatamente un altro desktop manager.

Con ogni probabilità, le altre, nuove, funzionalità saranno tutte sulla stessa linea: molta apparenza, poca o nessuna utilità.

Ma non c’è da preoccuparsi.

Oggi la massa di utilizzatori di computers è formata da ragazzini, la cui unica attività consiste nel cambiare i temi e le icone del desktop e riempirlo di gadgets inutili ma coloriti.
Costoro saranno pienamente appagati dal nuovo KDE. Non per niente l’80% del tempo occorrente al suo sviluppo è stato impiegato nella creazione delle nuove icone e dei nuovi temi.

Chi invece usa il computer per altri scopi farà bene sin da subito a cominciare a pensare ad una soluzione alternativa.
Io ne vedo soltanto due:

1) bloccare KDE3 in modo da evitare di farne l’aggiornamento anche per sbaglio.
2) cercare un desktop manager alternativo (forse Gnome) o un sistema operativo diverso.

E intanto, aspettando le prossime schifezze, mobilitiamoci per salvare Konqueror firmando la petizione sottostante:
Dateci la possibilità di usare Konqueror come file manager di default di KDE 4

Condividi questo post:
add to del.icio.us :: Add to Blinkslist :: add to furl :: Digg it :: add to ma.gnolia :: Stumble It! :: add to simpy :: seed the vine :: :: :: TailRank

Informatica Linux Random Varie
Konqueror
KDE4

Firmiamo la petizione a favore di Konqueror!
Dateci la possibilità di usare Konqueror come file manager di default in KDE 4

Fatto questo Iniziamo con Sidux.

La soddisfazione di usarlo, se possibile, cresce ogni giorno.
Finita finalmente l’attesa di nuove release. Basta con lo scaricare iso nuove. Tutto aggiornato alle ultime versioni giorno dopo giorno senza problemi o ansie inutili.
E tutto che funziona veloce e senza problemi. Stabile come una roccia.

Anche Compiz-Fusion si rivela stabile e piacevole. Per installarlo basta aggiungere al file source.list (in /etc/apt) la riga seguente:

deb http://download.tuxfamily.org/shames/debian-sid/desktopfx/unstable/ ./

e avere l’accortezza di leggere, prima di installare e/o aggiornare gli avvertimenti che chi fornisce i pacchetti mette a disposizione sul Web. L’indirizzo è:

Repository of Shame – Compiz Fusion

Veniamo adesso alle facce e vediamo come avere quattro immagini diverse, una per ciascuna faccia.

Compiz-Fusion ha un programmino (fusion-icon) che piazza un’icona sulla barra del desktop con la quale è possibile scegliere il window manager (compiz, kwinde, metacity)e aprire le finestre per configurare Emerald e Compiz.
A noi interessa quest’ultima. Con un clic del tasto destro del mouse sull’icona nella barra, scegliamo quindi la voce ‘Setting Manager’ e ci apparirà la finestra di configurazione di Compiz.

Clic sull’icona ‘Cubo Desktop’ e andiamo sulla seconda linguetta. Qui inseriamo sullo spazio in alto il percorso delle nostre quattro immagini che vogliamo sulle facce.

Compiz-Fusion ha anche un’altra possibilità: la wallpaper-plugin di lontana memoria. Quest’ultima è più ampia, nel senso che si hanno 4 immagini anche quando non si usa il cubo, ma il muro.
Per la wallpaper-plugin l’indirizzo delle immagini va però scritto con una diversa ortografia. Se ad esempio la prima immagine si trova in /home/utente/immagini/immagine1.png, dovremo scrivere:

file:///home/utente/immagini/immagine1.png:100

Ovviamente scegliete di mettere le immagini o su ‘Cubo Desktop’ o su ‘Wallpaper’.

Fatto questo, occorre scrivere un piccolo script per chiudere alla partenza Kdesktop e avviare Compiz. Lo script è il seguente:

#!/bin/bash
sleep 10
killall kdesktop &
sleep 10

killall cairo-clock &
killall screenletsd &3
screenletsd start > /dev/null &
cairo-clock &

dove sleep n lascia il tempo a kde di caricare sulla barra tutte le applet che avete; i vari killall garantiscono di non avere programmi che girano ue volte; screenletsd start e cairo-clock lanciano rispettivamente le screenlet e l’orologio (se non li usate, cancellate le due righe).
Manca fusion-icon per il semplice motivo che una volta installata e visibile sulla barra, se si fa il log out da KDE in modo normale, l’icona viene caricata automaticamente da KDE ad ogno log in.
Quindi in effetti lo script si limita ad eliminare Kdesktop ed eventualment aricare le screenlet e il cairo-clock.

Come al solito le immagini devono avere la stessa risoluzione dello schermo.

Condividi questo post:
add to del.icio.us :: Add to Blinkslist :: add to furl :: Digg it :: add to ma.gnolia :: Stumble It! :: add to simpy :: seed the vine :: :: :: TailRank

No OXML
NO al formato Microsoft Office come standard ISO

Linux Informatica Random Varie Compiz Compiz-fusion Beryl Sidux HowTo
Konqueror

Firmiamo la petizione a favore di Konqueror!
Dateci la possibilità di usare Konqueror come file manager di default in KDE 4

Come sapete col nuovo KDE4 hanno preso l’infelice decisione di inserire Dolphin come file manager di default.

Il miglior programma di KDE, Konqueror passa così in secondo piano e viene relegato al ruolo di solo Browser.
KUbuntu dal canto suo ha anticipato questa decisione mettendo D3lphin (Dolphin per KDE3) di default nella sua distribuzione.

No OXML
NO al formato Microsoft Office come standard ISO

Il motivo di tutto ciò è abbastanza evidente e tutto sommato ancora una volta dimostra l’immaturità di molti sviluppatori del mondo Linux (vi ricordate Beryl?).
Con il successo di Ubuntu, infatti, si era assistito ad un fantomatico sorpasso di Gnome (fornito di default su Ubuntu) rispetto a KDE.
Dico fantomatico perchè io, e come me molti altri, sino a poco tempo fa usavo Ubuntu (e quindi rientravo nella categoria di chi utilizza Gnome), ma come prima cosa mi ero preso la briga di installare e usare KDE.

La voglia quindi di essere scelti da Ubuntu come DE di default ha portato gli sviluppatori di quest’ultimo a modificarlo in modo da renderlo gradito alla distribuzione che cerca di semplificare al massimo Linux per renderlo comprensibile agli analfabeti di tutto il mondo (e sono tanti).
Da qui mesi e mesi persi per l’apparenza (icone accattivanti che hanno la sola funzione di attirare come specchietti per le allodole i giovanissimi), gadget inutili e ingombranti che devono soddisfare anch’essi chi non usa il computer per lavorare, riduzione massima delle possibilità di configurazione che potrebbero mettere in crisi gli sprovveduti (le restanti possibilità vengono nascoste in modo che solo chi realmente le vuole e sia dotato di una buona dose di testardaggine riesca a trovarle), e così via.

La parola d’ordine è cerchiamo di gnomizzare il più possibile e avremo qualche chance di essere accettati da Ubuntu.
In quest’ottica quindi si pone ovviamente anche la scelta di Dolphin come file manager di default di KDE.

Da tutto ciò è nata l’idea di una petizione per chiedere che almeno sia data la possibilità, una semplice e facile possibilità, di mantenere Konqueror come file manager di default al posto di Dolphin.
(Dateci la possibilità di usare Konqueror come file manager di default di KDE4).

Di KDE4 nel suo insieme ne riparleremo quando uscirà qualcosa di utilizzabile, visto che la beta2 è ancora all’altezza di una pre-alfa.

Per ora mobilitiamoci invece a favore di Konqueror firmando la petizione sottostante:
Dateci la possibilità di usare Konqueror come file manager di default di KDE 4

Condividi questo post:
add to del.icio.us :: Add to Blinkslist :: add to furl :: Digg it :: add to ma.gnolia :: Stumble It! :: add to simpy :: seed the vine :: :: :: TailRank

Informatica Linux Random Varie
Konqueror

No OXML
NO al formato Microsoft Office come standard ISO

Poco tempo fa ho scritto un post in cui parlavo di una mia guida per principianti.
La guida era visibile solo sotto forma di pagine WEB.

Ora ho pensato di renderla accessibile anche come file PDF.
Così è possibile scaricarla e consultarla a piacimento quando se ne abbia bisogno.

La guida stessa, tra l’altro, è più aggiornata in quest’ultimo formato che non come html.

La segnalo quindi a quanti ne fossero interessati. La si trova ovviamente sul mio sito: Linux: come e perché

Tags: Linux Grub Informatica HowTo Konqueror Random Varie

No OXML
NO al formato Microsoft Office come standard ISO

Girando per i vari Forum mi sono reso conto che molti avvicinandosi a Linux si trovano spesso spaesati.
I problemi che ricorrono più spesso possono riassumersi in questi punti:

  • Differenze con Windows
  • Dove sono gli exe
  • Dove trovo i programmi che mi servono
  • Come si installano i programmi
  • Come avviare un programma
  • Cos’è e come funziona Grub
  • E avanti di questo passo.

    Le guide indicate nei vari Forum sono spesso complicate (e difficilmente un principiante avrà la forza di leggerle, non parliamo di capirle) oppure, qualora semplici, non rispondono a molti dei quesiti di base di un principiante.

    Per questo mi sento di indicare a chi voglia avvicinarsi a Linux, con qualsiasi distribuzione oggi reperibile, la guida per principianti da me fatta e, sino ad oggi, tenuta aggiornata.

    Qui ne riporto l’indice:

  • Perchè Linux?
  • Differenze sostanziali con Windows?
  • Quale distribuzione Linux?
  • Quale hardware è supportato?
  • Perchè la differenza Root e User?
  • Come si installa?
  • Come si installano i pacchetti?
  • E i pacchetti che non trovo nel sito della distibuzione?
  • Cos’è uno script?
  • Come si configura il sistema?
  • Come ascolto la musica?
  • E i files MIDI?
  • La mia macchina fotografica digitale?
  • E lo scanner?
  • Come si installa la stampante?
  • Come scrivere lettere, testi e libri?
  • Come vedere la televisione?
  • E i filmati?
  • La Grafica
  • A cosa serve la console?
  • E se volessi programmare?
  • Browsers, Mail e …?
  • E col Firewall e l’AntiVirus come la mettiamo?
  • Schermate Linux
  • Come trovare riferimenti e aiuto?
  • Confronto installazione WindowsXP e Kubuntu 6.10
  • Recoll:la ricerca testuale per il desktop Linux
  • Sidux: un’ottima distribuzione Linux
  • Appendice 1: i giochi in Linux
  • Appendice 2: i filesystems in Linux
  • Appendice 3: il networking in Linux
  • Appendice 4: compatibilità hardware in Linux
  • Appendice 5: Grub il boot loader
  • Appendice 6: il kernel di Linux
  • Appendice 7: Elenco programmi più o meno utili
  • Appendice 8: KUbuntu
  • Appendice 9: Forums Linux: come usarli e a cosa fare attenzione
  • Appendice 10: Il futuro: Xgl e Compiz (su KUbuntu)
  • Appendice 11: script per la rotazione automatica del cubo
  • Appendice 12: comandi bash (shell)
  • Windows XP: recensione di un utente Linux
  • Vista: alcune considerazioni
  • La guida stessa è consultabile al sito: Linux: come e perchè

    Buona lettura!

    Tags: Informatica Linux Beryl Compiz Flash HowTo Grub Windows
    Random Varie

    Pagina successiva »