Dopo i voti in serie su linea di montaggio in Australia per l’Unione, un altro scandalo.

A Genova una sezione su 4 è piena di errori.

Ecco cosa scrive Repubblica del 10/07/2007:

“…a Genova, nelle ultime amministrative che hanno portato alla nomina di Marta Vincenzi sindaco, in una sezione elettorale su quattro (per la precisione in 143 casi su un totale di 653) ci sono state irregolarità pesantissime. Da ieri mattina, sulla scrivania del Presidente di Corte d´Appello Bonetto, c´è una lettera di cinque cartelle firmata da Clavio Romani, che è il direttore dell´ufficio organizzativo dei servizi civici e demografici del Comune di Genova ma, nella fattispecie, l´uomo che sovrintende ogni volta alla complicatissima macchina elettorale. Le conclusioni di Romani sono pesantissime: “A conclusione dei lavori dell´Ufficio Centrale per le elezioni del sindaco e del consiglio comunale di Genova si segnalano i seguenti nominativi dei Presidenti di sezione che non hanno operato in maniera corretta”. Segue, in una tabella infinita, il numero del seggio, il nome del Presidente, l´irregolarità (o le irregolarità, perché spesso sono più di una) commessa. …”
(CLAMOROSO RAPPORTO DEL CAPO DELL´UFFICIO ELETTORALE SUL VOTO PER SINDACO E TURSI
NEI GUAI 143 PRESIDENTI DI SEGGIO, VALANGA DI RICORSI E POSSIBILITÀ DI REVISIONI
)

Conoscere come sono andate effettivamente le cose sarà praticamente impossibile.
Per un riconteggio dei voti occorrerebbe infatti un doppio ordine della magistratura (secondo una legge del 1960) che o non arriverà mai o, se dovesse arrivare, arriverebbe probabilmente fuori tempo utile.

Tags: Varie Prodi Governo Random

Annunci