Ecco un’altra delle ragioni del rientro.

Al Brain Share di Salt Lake City della Novell (2007) è stato dato ampio spazio a David Reveman e Compiz.
Probabilmente l’idea di essere lontani dai riflettori faceva soffrire gli sviluppatori di Beryl.
Da qui la decisione di ritornare a casa Novell.

Il video dei tre giorni del Brain Storm (interessante e utilissimo a chi vuol migliorare il suo inglese) lo trovate a questo indirizzo:
Novell BrainShare® 2007

Il pezzo che mostra David Reveman e Compiz lo si vede nel video della giornata di venerdì. Inizia al 25° minuto e termina al 36° minuto.

In quanto alla riunione, da quello che si legge dai vari post di Beryl e di Compiz avverrà in questo modo:

  • Il cuore di Compiz resterà quello di Revemann (con pochi eventuali aggiunte approvate dallo stesso).
  • Gli sviluppatori di Beryl avranno accesso a Compiz-Extra (dove peraltro si trovano già le plugins di Beryl).
  • La configurazione avverrà in primo luogo tramite gconf e il file ini, ma prevedono di creare altri due tool di configurazioni paralleli, uno per Gnome e uno per KDE.
  • La continuazione di Beryl Desktop Manager non interessa, ma sarà eventualmente lasciata la possibilità di svilupparla quale programma esterno in Compiz-extra.
  • Il nome resta Compiz.
  • La società sviluppatrice è ovviamente Novell, di cui Reveman è un impiegato, anche se lo sviluppo resta aperto al contributo della comunità (nei limiti già detti).
  • Sponsor del ‘Brain Storm’, e quindi indirettamente anche di Compiz è, tra gli altri, Microsoft (vedi inizio filmato di mercoledì).

    Tutti quelli che hanno avuto difficoltà a far girare Compiz stiano pertanto allegri. Avranno le stesse difficoltà anche in futuro, ma avranno la soddisfazione di leggere da Pollycoke che il codice è finalmente pulito. 🙂

    Tags: Linux Beryl Compiz Random Varie

    Annunci