Lo sviluppo di Beryl continua a ritmo incessante come sempre.

Ecco alcune novità, più o meno recenti, che possono tornare interessanti per molti suoi utilizzatori.

Comincio con Bdock, un programmino che inserisce un pannello contenente le icone delle finestre presenti nel cubo.
Personalmente utilizzo la Kasbar di KDE e quindi bdock non mi serve; lo segnalo comunque visto che moti usano Gnome o, pur utilizzando KDE, non usano la Kasbar.

Sono ormai maturi anche due programmi KDE modificati per lavorare con Beryl. Mi riferisco a Taskbar-compiz e Kicker-compiz che permettono rispettivamente di avere nel panel di KDE le applicazioni aperte per ogni singola faccia del cubo e un pager modificato in modo da riconoscere le singole facce del cubo.
Io non utilizzo nessuno dei due programmi, il primo dal momento che lo sostituisco con Kasbar ed il secondo perchè purtroppo mette le aree del cubo su una stessa linea consumando così notevole spazio del pannello che invece a me serve per altri motivi.

Il programma più nuovo, e anche quello che promette di più, è però Beryl-Desktop-Manager, conosciuto meglio come BDM.
A tutti gli effetti dovrebbe, una volta finito, sostituire KDE o Gnome (o qualsiasi altro Desktop-Manager) permettendo di avere immagini diverse sulle facce del cubo senza rinunciare alle proprietà di un normale Desktop-Manager (come ad esempio la presenza di icone sul Desktop).
Allo stato attuale ha praticamente solo le stesse funzioni della plugin wallpaper (che peraltro funziona meglio), ma è certamente da tener d’occhio nel prossimo futuro.

L’installazione di tutti i programmini elencati sopra avviene molto semplicemente utilizzando le varie repositories SVN che si trovano un po’ per tutte le distribuzioni.
Personalmente ormai utilizzo Sidux come distro princiale, ma penso che chi usa Ubuntu possa trovare il tutto nelle repositories di Trevino.

Sempre in tema di novità, ho avuto la piacevole sorpresa di constatare come la plugin vidcap, che in passato non ero mai riuscito a utilizzare, funzioni senza alcun problema, almeno con Sidux.

Vi sono naturalmente anche altre nuove plugins che ognuno può provare.
Segnalo solo che la text-plugins, quando abilitata, mi ha dato un bel segmentation-faults all’avvio di Beryl. Consiglio quindi di lasciarla, per il momento, disabilitata.

Per oggi questo è tutto.

Tags: Linux Beryl Random Varie

Annunci