Vi ricordate quelli che andavano in giro col cartello “Io sono un coglione“?
Oggi mi sono imbattuto in uno di loro.
(non posto la sua fotografia per rispetto a chi mi legge)

Ecco infatti cosa ha scritto nel suo blog:
L’ho detto e l’ho ripeto: un governo di destra non farà mai niente di buono per le classi medio, medio-basse e basse.
Non sono io che lo dico. Ma è la storia.
Da che mondo è mondo, la destra ha “lavorato” per gli imprenditori, per le classi privilegiate, sempre. La destra non difenderà mai i diritti dei lavoratori, dei pensionati e degli statali.

Proprio oggi, mi giunge una notizia importante: un miliardo e trecento milioni di euro in più per i pensionati italiani. Un beneficio che verrà suddiviso fra 9 milioni e mezzo di pensionati che, a partire da gennaio, riceveranno un trattamento migliore grazie al nuovo regime fiscale previsto dalla Finanziaria.

I pecoroni non possono capire purtroppo.
Eppure mi domando: tra loro, c’è qualcuno che ha un reddito medio, medio-basso?
Riusciranno mai a capire che questo governo sta lavorando per loro, per farli arrivare tranquillamente a fine mese. I dati parlano chiaro.

Esaminiamo le sciocchezze che dice:

La destra non difenderà mai i diritti dei lavoratori, dei pensionati e degli statali.
Da Repubblica – 24 novembre 2003
“ROMA – L’aumento medio delle tredicesime annunciato qualche giorno fa dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti sarà in media di 70 euro a pensionato. I calcoli sono dei tecnici dell’Inps.
Prima della riforma Tremonti i pensionati che non pagavano tasse (quelli che rientravano nella cosiddetta ‘no tax area’) erano 5.300.000; dopo la riforma sono 730.000 in più, che fino alla fine del 2002 pagavano in media 90 euro l’anno di tasse. Complessivamente – spiega ancora l’Inps – per effetto dell’applicazione del primo modulo della riforma fiscale, entrato in vigore nel gennaio 2003 ci sono 8.700.000 pensionati (non solo dell’Inps) che da gennaio pagano in media 193 euro in meno l’anno; 3.700 invece, pagano sette euro l’anno in più, con la possibilità di recuperarli – grazie a un dispositivo della scorsa Finanziaria – in sede di dichiarazione di redditi.”

Con buona pace dell’imbecille in questione.

Proprio oggi, mi giunge una notizia importante: un miliardo e trecento milioni di euro in più per i pensionati italiani. Un beneficio che verrà suddiviso fra 9 milioni e mezzo di pensionati che, a partire da gennaio, riceveranno un trattamento migliore grazie al nuovo regime fiscale previsto dalla Finanziaria.
Dal momento che lui non sa farli, facciamo noi un po’ di conti:
Un miliardo e trecento milioni diviso nove milioni e mezzo fa esttamente 136,84 euro annui (11,4 euro mensili lordi).
Ed ecco cosa c’è a fronte del lauto aumento di 136 euro lordi.
(ANSA) – ROMA, 30 DIC – Nuova stangata in arrivo: secondo contribuenti.it nel 2007 le famiglie italiane dovranno sborsare 736 euro in piu’ per i rincari fiscali. ‘Nonostante le promesse del governo – recita una nota – le imposte sulla nettezza urbana aumenteranno del 152,7%, con punte del 291%, senza contare gli incrementi Ire pari all’11,8%, dell’Iva pari all’8,6%’. ‘Sono previsti – spiega l’associazione – aumenti per Ici, imposte di registro, ipotecarie e catastali del 113,3%’

c’è qualcuno che ha un reddito medio, medio-basso?
Riusciranno mai a capire che questo governo sta lavorando per loro, per farli arrivare tranquillamente a fine mese. I dati parlano chiaro.

Purtroppo sono molti coloro che hanno un reddito medio/basso.
E non riusciranno certo a capire che questo governo sta lavorando per loro.
Per un semplice motivo: li sta derubando!

Perchè ho dato spazio alle dissertazioni farneticanti di uno sprovveduto?

Il motivo è semplice.
Di gente come lui ce n’è tanta. Troppa.
E sono sostenuti da una rete di complicità, creata con gran cura negli ultimi 50 anni, che va dai sindacati di sinistra ai giornali, dalla pseudo ‘cultura’ di sinistra alla televisione, da pseudo imprenditori (alla De Benedetti per intenderci) ai giudici.

Una situazione ormai intollerabile da cui dovremo prima o poi liberarci.
Prima che sia troppo tardi per salvare l’Italia.

Tags: Governo ProdiVarie Random

Annunci