gennaio 2007


(ANSA) – ROMA, 30 GEN – Un rincaro di 28 euro e’ quello che gli italiani pagheranno in piu’ nel 2007 per l’aumento della addizionale Irpef decisa da molti Comuni.

L’incremento medio sara’ del 33%. Lo ha calcolato la Uil. I romani di reddito medio (27 mila euro) dovranno sborsare 81 euro in piu’, a Palermo 54. I milanesi e napoletani non subiranno invece aumenti. L’aggravio maggiore si registra a Trieste e a Siena dove l’aliquota sara’ dello 0,8%.

(ANSA) – ROMA, 30 GEN – Lo scorso anno le entrate erariali si sono attestate a 397,4 miliardi di euro con una crescita del 10,3%. Lo rileva il ministero dell’Economia, spiegando che la crescita sul 2005 e’ di 37,1 miliardi: 33,7 gia’ previsti con la relazione previsionale e 3,4 miliardi in piu’ rispetto alle previsioni

(ANSA)ROMA,30 GEN – ‘Dal mio punto di vista le tasse caleranno appena e’ possibile’, ripete il viceministro Visco commentando il buon andamento delle entrate 2006. Ora – dichiara il viceministro – ‘non ci sono soldi da spendere. Sarebbe pericoloso pensare che dato che il gettito va bene ci mettiamo a dare soldi in giro’. Intanto Visco ritiene possibile un deficit sotto il 3% quest’anno. E aggiunge ‘visti i dati sul gettito, la manovra per l’anno prossimo risultera’ piu’ ridotta’..

Dimostrato in modo inequivocabile il falso in bilancio che sta alla base della manovra finanziaria approvata dal governo lo scorso dicembre.
Ciònonstante, il ministro Visco, preso atto che il disavanzo del 2006 si attesta sul 2,5% e sapendo che il merito è da attribuirsi al Governo precedente, mette le mani avanti.

E’ dubbio infatti che nel 2007, dice il ministro, il governo riesca a tenere il deficit sotto il 3% (dà quindi già per scontato almeno un aumento dello 0.5%.
In previsione di ciò, non contento del furto appena fatto, ne annuncia un altro per il prossimo dicembre.

E’ proprio vero, la fame vien mangiando !

E Pantalone ?

Pantalone paga, si rende conto di essere stato un po’ coglione (la parte che ha votato per Prodi, naturalmente) e prga il Santissimo che rimandi a casa il Mortadella.

P.S.: l’aumento dell’addizionale IRPEF è solo l’inizio. Mancano ancora all’appello Regioni e Provincie.
Tra un po’, inoltre, saremo allietati dall’aumento dell’ICI con probabile raddoppio della stessa.

Tags: Governo ProdiVarie Random

Annunci

L’altro giorno ho ricevuto un commento al post ‘Prodi: vogliamo la verità‘ che non ho pubblicato sia perchè non aveva niente a che vedere col post stesso, sia perchè desideravo commentarlo separatamente.

Eccolo:

“Ora il tesoriere del disciolto partito fascista,prepara l’elezione del suo presidente alla conduzione della destra nazionale.Non è possibile che nella nostra nazione si possa ancora ipocritamente tollerare all’interno del governo il delfino del partito nero,erede delle leggi raziali e dei forni crematori.Il delfino ha perso il pelo ma non il vizio. Basta ascoltarlo nelle sue dichiarazioni velate da una falsa democrazia,ipocritamente,spavaldamente in atteggiamenti da omminidio in tutte le sue manifestazioni.L’anima nera non deve più sorgere nel nostro paese.Siate vigili e non chinate il capo,ma state sempre con la testa ben alta a vigilare la nostra sudata democrazia.”

Analizziamolo insieme:

“il tesoriere del disciolto partito fascista,prepara l’elezione del suo presidente alla conduzione della destra nazionale”
La frase è abbastanza ambigua, ma si presta ad alcune considerazioni.
A chi si riferisca con ‘il tesoriere del disciolto partito fascista’ non si capisce, ma conoscendo la mente distorta dei sinistri si può cercare di indovinare (certamente è qualcuno della Casa Delle Libertà, forse Fini, o Berlusconi ?).

Quello che però è interessante è notare come l’antifascismo sia il paravento dietro il quale si nascondono i sinistri quando non vogliono che l’attenzione si posi sulle loro malefatte.

E’ stato l’alibi che doveva servire a ‘legittimare’ il PCI alla fine della guerra e nascondere gli assassini e le atrocità da loro compiute, avallate e nascoste (“La disgrazia dell’Italia: le Grandi Bugie). Ci sono riusciti in pieno spostando l’attenzione dal pericolo comunista, tuttora vivo e vegeto in molte parti del mondo, compresa l’Italia, ad un fantomatico pericolo fascista e/o nazista ormai scomparso dalla faccia della terra da oltre 60 anni.

“Non è possibile che nella nostra nazione si possa ancora ipocritamente tollerare all’interno del governo il delfino del partito nero,erede delle leggi raziali e dei forni crematori.”
Questa frase è la continuazione del raginameno precedente. Con la differenza che, parlando di presenza al governo, il nostro probabilmente si riferisce inconsapevolmente a Diliberto, erede lui sì di un partito che ha sempre legittimato le stragi sovietiche e cinesi (ben peggiori per crudeltà e numero di ammazzati a quelle perpretate da Hitler La disgrazia dell’Italia).
Ciònonostante il nostro vive beato nella sua ignoranza senza accorgersi che in Italia, fra i maggiori partiti (ma direi anche tra i più piccoli) non ve n’è uno che in qualsiasi misura, apertamente o no, si rifaccia all’esperienza nazista o, ancora peggio, in qualche maniera ne giustifichi le stragi .

Esistono invece ancora oggi in Italia partiti, movimenti (addirittura con il simbolo dell’orrore sulle loro bandiere) e un gran numero di persone che si rifanno all’ideologia comunista (oltre 200 milioni di morti ammazzati), che ne minimizzano o negano le atrocità (e che predicano ogni giorno l’antisemitismo.
Mi riferisco ovviamente ai due disgraziati partiti comunisti che ci ritroviamo ed ai vari movimenti che questi alimentano.
Ma il nostro naturalmente non se ne accorge.
E non se ne accorgerà probabilmente mai, a meno che il suo capocellula non glielo dica espressamente.
E’ la conferma vivente delle indimenticabile vignette di Guareschi.

“Il delfino ha perso il pelo ma non il vizio. Basta ascoltarlo nelle sue dichiarazioni velate da una falsa democrazia, ipocritamente, spavaldamente in atteggiamenti da omminidio in tutte le sue manifestazioni.”
Essendosi probabilmente convinto delle stupidaggini che dice, continua imperterrito per la sua strada. L’idea del delfino (cosa vorrà mai intendere lo sa solo Dio) evidentemente gli piace molto, anche se sembrerebbe che non ne conosca il significato.

“L’anima nera non deve più sorgere nel nostro paese.Siate vigili e non chinate il capo,ma state sempre con la testa ben alta a vigilare la nostra sudata ddemocrazia.”
Il messaggio si conclude con una invettiva da operetta.
Cosa sia l’anima nera lo sa solo lui. Probabilmente si riferisce alla formazione di un qualche nuovo partito nazista o fascista. Nascita assolutamente improbabile se non nella testa sua e in quella dei suoi compagni.
In quanto a vigilare sulla ‘nostra democrazia’, il consiglio fa davvero sorridere, se si pensa che la democrazia, la nostra per intenderci, è nata proprio contro il volere del PCI, che rappresenta le radici storiche, mai estirpate, della parte politica a cui il nostro appartiene.
Tra l’altro l’unico rigurgito di nazismo e fascismo che oggi si può vedere, lo si trova propio nello squadrismo di sinistra che al nostro piace tanto.

Sarebbe una perdita di tempo aver dato risalto elle elucubrazioni di un povero sprovveduto, se non ci fossero altri avvenimenti, accaduti in questi giorni, che pur essendo apparentemente di natura diversa, nascono comunque dallo stesso seme: la campagna di diseducazione, malinformazione, odio e calunnie messa in opera negli ultime 60 anni dalla sinistra in Italia.

Mi riferisco agli episodi di violenza di gruppi di ragazzini, alle loro bravate in alcune scuole, all’inqualificabile reportage di Bocca, alle violenze quotidiane, ecc.. Episodi apparentemente slegati tra loro, ma che hanno invece tutti una radice comune ben individuabile.

La campagna messa in atto sin dai tempi del PCI per distruggere le fondamenta della nostra società, distruggendo la famiglia, la scuola, i valori che stanno alla base di un vivere civile, occupando l’informazione e la magistratura e inculcando nei giovani il concetto di una libertà senza confini, e quindi offensiva della libertà degli altri, svilendo ogni forma di autorità, offendendo ad ogni occasione la religione e instigando all’odio più tenace, sta dando purtroppo i suoi frutti.
Il tutto, condito dal concetto che la calunnia, se usata da sinistra, non solo è lecita, ma doverosa perchè utile (calunnia oggi, calunnia domani, qualcosa comunque resterà), è diventato una miscela micidiale.

Ai giovani di oggi reagire energicamente o assoggettarsi al declino e alla sparizione della nostra civiltà.

Altre alternative non ce ne sono.

Tags: Varie Random Governo Prodi

E finalmente è arrivato il giorno della verità.

Oggi i dipendenti ricevono la prima busta paga del 2007 … e finalmente sono in grado di apprezzare in pieno i benfici ricevuti con la finanziaria di Prodi:
Quasi una tazza di caffè in più al giorno, per i più fortunati, con cui far fronte a 62 nuove tasse e all’immancabile, ovvio, aumento del costo della vita che ne consegue.

C’è di che esserne felici!

Adesso però! Perchè in febbraio arriveranno le sovrattasse comunali, provinciali e regionali a ridimensionare il tutto.

C’è da esserne felici soprattutto ricordando le promesse di Prodi, le dichiarazioni di Visco sulle maggiori entrate, e implicitamente sul falso in bilancio che sta alla base della finanziaria stessa.

E non possiamo che apprezzare le parole di Mario Fabris, capogruppo dell’UDEUR alla Camera, che ha candidamente detto: “Tra l’andamento del deficit al ribasso e la riduzione del fabbisogno statale abbiamo tanti soldi da spendere… ci siamo capiti?”, come riportato da Augusto Minzolini su La Stampa del 12.01.07.

Sarà interessante vedere come li spenderanno… ci siamo capiti?

Tags: Governo ProdiVarie Random

Dopo l’intervista (di cui esiste la registrazione) di Paolo Guzzanti a GORDIEVSKY in cui quest’ultimo candidamente dice che, per quello che a lui è noto, Romano Prodi era molto conosciuto e molto amato al KGB.

Dopo che la BBC e un’altra emittente Inglese hanno trasmesso due servizi in cui Romano Prodi è tirato in ballo come ex informatore del KGB.

Dopo che un deputato europeo,Vytautas Landsbergis ex presidente della Lituania, ha distribuito una lettera ai colleghi del Parlamento Europeo avvisandoli che Romano Prodi era stato un informatore del KGB.

Il Senatore Cossiga ha rivolto una interrogazione al governo in cui dice:

“se, il primo quale responsabile della politica dell’informazione e della sicurezza e, il secondo quale responsabile dell’ordine e della sicurezza pubblica, non intendano opportuno e necessario, anche a tutela dell’attivita’ di istituzioni parlamentari quali le commissioni d’inchiesta, e anche di fronte al risibile arresto del signor Mario Scaramella per ordine della magistratura romana, nello spirito inquisitoriale e giustizialista della linea della politica della giustizia del ministro della giustizia Clemente Mastella, per la ridicola accusa di reato di calunnia aggravata nei confronti di un ufficiale dei servizi di informazione e di sicurezza della Federazione Russa, gia’ ufficiale del KGB sovietico, far interrogare l’ex-colonnello del KGB Oleg Gordievskij, oggi cittadino britannico e storico nell’Universita’ di Cambridge, che per motivi ideologici passo’ clandestinamente dall’Unione Sovietica al Regno Unito, e la liberazione della cui famiglia tenuta in ostaggio dallo stesso KGB, fu ottenuta a suo tempo dall’Italia, anche attraverso la mia mediazione con il presidente Gorbachev con la consegna al Governo sovietico di una spia sovietica del GRU, condannata dai nostri giudici e da me, allora presidente della Repubblica, allora all’uopo graziata, anche in relazione alle sue dichiarazioni rese ad un importante giornale moscovita e riportate ieri sul quotidiano La Repubblica, sul caso Commissione mitrokhin-guzzanti-Scaramella, nel quale condanna la falsificazione e la manipolazione di sue dichiarazioni rese ad un noto giornale romano ‘avvelenatore di pozzi’, confermando invece quelle rese in un intervista al quotidiano Il Giornale e rivelando importanti fatti relativi all’azione informativa, disinformativa ed intossicatrice che sarebbe stata svolta dal servizio informativo estero della Federazione Russa nei confronti dei lavori della Commissione mitrokhin; e per sapere inoltre se il Presidente del Consiglio non intenda dare al Sisde il compito di prendere questi contatti, al fini di non coinvolgere il Sismi, destinatario di detto “dossier”; e per sapere se il Ministro dell’Interno non intenda dare incarico di interrogare il detto signor Gordievskij all’Arma dei Carabinieri o alla Guardia di Finanza invece che alla Polizia di Stato, per mettere i funzionari della Polizia di Stato al riparo da indubbie pressioni e minacce che sarebbero sicuramente ad essi rivolte dal Capo della Polizia prefetto Gianni De Gennaro, al fine della manipolazione anti-Sismi delle informazioni raccolte”.(AGI) Red/Mal 271050 GEN 07

Immaginate se qualcosa di simile fosse accaduta durante il Governo Berlusconi col nome di quest’ultimo al posto di quello di Prodi.

Immaginatelo. Ed avrete la prova certa di quanto sia vero che l’informazione, e non solo l’informazione, in Italia sia al servizio della sinistra.

Fatto questo, cerchiamo davvero il modo di mandare a casa questi sinistri prima che il regime che stanno costruendo si atroppo forte per essere pacificamente abbattuto.

Tags: Governo ProdiVarie Random

All’università di Rochester, Stato di New York, una immagine è stata salvata in un fotone e successivamente la stessa immagine, senza alcuna perdita, è stata ricaricata dal fotone.

La cosa ha ovviamente per un profano dell’incredibile, ma testimonia l’ampiezza degli studi, e dei progressi, che si stanno facendo nel campo dei fotoni applicati all’informatica.

Difficile pensare cosa possa riservarci la ricerca fra una decina d’anni.
Ancora più difficile immaginare come saranno i computers tra qualche decennio.

Non resta che aspettare e pregustare il futuro con articoli come questo; ( Scientists store whole image on a single photon).

Tags: Varie Informatica Hardware Random

Di oggi sono tre notizie per il loro verso importanti per il mondo Linux.
Eccole:

1) OpenOffice.org annuncia il progetto ‘ODF Toolkit’.
In pratica si tratta di una libreria OpenSource a cui può appoggiarsi qualsiasi programma per leggere e scrivere il formato ODF (Open Document Format).
Verrà usata ovviamente anche da Open Office.
In tal modo si evita di reinventare la ruota ogni volta e di avere doppioni di codice per fare lo stesso lavoro.
Penso sia un passo nella direzione giusta!
(The OpenOffice.org ODF Toolkit Project)

2) E’ nato il portale OpenLiberty.
Si prefigge di aiutare gli sviluppatori a creare progetti per Internete sicuri, ma non invasivi della privacy.
Potrebbe avere sviluppi interessanti.
(OpenLiberty)

3) Dell, il più grosso rivenditore di computers al mondo, mette in vendita una serie di PC senza Windows pre-installato. I prodotti, al momento tre, vengono spediti con openDos e l’hd non formattato. Si può sceglere tra Intel dual core o AMD dual core e vi è la possibilità di migliorare l’hardware di base con un ovvio sovrapprezzo.
Resta ancora purtroppo sul loro sito la frase ‘Dell recommends Windows® XP Professional’. Ma questo è ovviamente un fatto puramente economico.

L’offerta è importante e dimostra ancora di più l’inarrestabile ascesa di Linux.
(Dell)

Tags: Linux Varie Informatica Hardware Random

Tempo fa ho parlato di Neo1973, il cellulare Linux.
Oggi vediamo dove e quando comprarlo.

Ecco infatti la ‘Road Map’ del nuovo cellulare basato su linux.

Innanzitutto il nome e le caratteristiche.

Come già detto il suo nome è: FIC Neo1973, dove neo1973 significa nuovo 1973 (il 1973 è stato l’anno in cui per la prima volta il dott. Marty Cooper, inventore del telefono mobile, ha effettuato la prima chiamata.
Il nome vuole significare quindi la nsacita di una nuova era nella telefonia mobile.

Le caratteristiche:

* 120.7 x 62 x 18.5 (mm)
* 2.8″ VGA (480×640) TFT Screen
* Samsung s3c2410 SoC @ 266 MHz
* Global Locate AGPS chip
* Ti GPRS (2.5G not EDGE)
* Unpowered USB 1.1
* Touchscreen
* micro-sd slot
* 2.5mm audio jack
* 2 additional buttons
* 1200 mAh battery (charged over USB)
* 128 MB SDRAM
* 64 MB NAND Flash
* Bluetooth (2.0)

Il software:

* Linux 2.6.17.14
* gcc 4.1.1
* binutils 2.17.50.0.5
* glibc 2.4
* Xorg 7.1
* glib 2.6.4
* gtk 2.6.10
* dbus 0.9
* eds
* (more)

Oltre alle applicazioni attualmente in sviluppo, possono essere usate le normali applicazioni par X11.

I tempi:

* 11-02-2007: distribuzione di alcuni apparecchi a membri scelti della comunità per il test.

* 11-03-2007: Neo1973 sarà venduto direttamente in tutto il mondo dal sito di OpenMoko al prezzo di 350 USDollari, più spese di spedizione.

11-09-2007: Neo1973 sarà venduto, oltre che su Internet, dai maggiori rivenditori in tutto il mondo. In questa fase sarà venduta la seconda generazione di Neo1973 con speciali novità.

L’idea alla base è un telefono destinato ad adattarsi alle esigenze di ciscuno. Essendo completamente ‘aperto’, chiunque può personalizzarselo come meglio crede o scrivere piccoli programmi adatti alle sue esigenze (ad esempio regolare il volume in base al rumore ambientale, oppure evitare che suoni durante una conversazione o al cinema, ecc., ecc.).

Da oggi (09-07-2007) lo si può acquistare qui (per 220 euro):
OpenMoko-Shop
OpenMoko Board
OpenMoko Board

Tags: Linux Varie Informatica Hardware Cellulare
Random

Pagina successiva »